Guida certificata

I migliori rimedi per ematomi

La nostra guida ai migliori

Tra tutto ciò che causa la formazione di ematomi trova come fattore scatenante la fragilità capillare. La formazione di sangue conseguente alla rottura e quindi a un versamento interno è denominato generalmente con il termine ematoma o livido. Conosciamo diversi metodi che possono alleviare e migliorare lo stato di un ematoma, specialmente se si tratta di una situazione in cui questo tipo di versamento diventa frequente e davvero scoraggiante. Uno di quelli che secondo noi va incontro a una più drastica efficacia è l’integrazione alimentare attraverso l’assunzione di nutrienti e principi attivi in grado di frenare i radicali liberi e combattere la debolezza di capillari e in generale delle pareti e di tutto il sistema circolatorio. Questi sono specifici integratori a base di principi attivi dagli estratti vegetali in grado di aumentare gli scompensi che solitamente generano debolezza capillare, migliorando la circolazione sanguigna e quindi andando incontro a tutte le sintomatologie relative ad essa. Di seguito vi segnaliamo quelli che secondo noi sono i migliori e i tra i più efficaci a contrastare questo tipo di problematiche. Ricordiamo sempre e comunque che gli integratori non sono sostitutivi di diete e medicinali. Bisogna assumerli con consapevolezza e responsabilità.

La nostra classifica

Scelto da noi
Bio Line – Vene Leg Integratore Alimentare
Title

Bio Line – Vene Leg Integratore Alimentare

Prodotto interamente in Italia, questo integratore è a base di diosmina e altri ingredienti noti per le loro proprietà ricche in polifenoli e dalla natura flavonoidica. Vene Leg si presta come un integrazione volta a migliorare il microcircolo e riassorbire le eventuali dispersioni ematiche perché la natura dei suoi ingredienti irrobustisce e migliora le pareti del sistema venoso. Si tratta di un prodotto estremamente specifico nelle sue funzioni.

Cosa sono gli ematomi spontanei e quali sono le cause che li generano

Le cause di un ematoma spontaneo sono numerose e si sviluppano attraverso le soggettive predisposizioni che purtroppo colpiscono diversi casi. Intanto dobbiamo chiarire il concetto di ematoma che assume a sè una diversità di fenomeni che hanno in comune un versamento di sangue che non sfocia al di fuori dell’epidermide. Da situazioni di rischio relativamente meno grave come traumi, anemie e sovrappeso, pillole anticoncezionali, sforzi fisici, mononucleosi fino a situazioni che vedono un quadro clinico ben più preoccupante, per cui quello che ci apprestiamo a consigliare non può che presentarsi come un palliativo. Parliamo di casi come leucemie, piastrinopenia e lupus eritematoso. 

Attraverso la classificazione degli ematomi riconosciamo: ecchimosi o lividi: Si tratta di piccole emorragie sottocutanee che non occupano una dimensione superiore a uno o due centimetri; Petecchie: piccole emorragie che si diradano in una specifica area sotto forma puntinata alla base dei capillari; porpore: fenomeno che vede una estensione superficiale e ravvicinata delle petecchie. Infine gli ematomi più consistenti, che costituiscono veri e propri versamenti interni al corpo e talvolta non visibili. Tutta questa casistica oltre ai fattori visivi appena descritti può comprendere gonfiore e dolore più o meno intensi.

back to menu ↑
Register New Account
Reset Password
Compare items
  • Total (0)
Compare