Guida certificata

I migliori telefoni cellulari per anziani

La guida definitiva alla scelta del telefono cellulare per anziani

Quelli che andremo ad esporvi sono alcuni tra i migliori telefoni in vendita da noi rintracciati e analizzati che possono costituire un ausilio imprescindibile per chiunque abbia qualche problema di accessibilità con le ultime tecnologie. Abbiamo analizzato molti telefoni cellulari per anziani e di seguito vi mostriamo – dopo averli messi alla prova – quali tra molti ci sembrano i migliori, i più sicuri, i più economici e quelli che maggiormente si avvicinano alle possibilità di chiunque senza mancare in nessuna funzionalità, incontrando un ottimo rapporto qualità-prezzo.

La nostra classifica

Più economico
Brondi Amico semplice plus – Telefono Cellulare
Title

Brondi Amico semplice plus – Telefono Cellulare

Nell’insieme questo telefono rispetta molte esigenze e riesce a soddisfare le funzioni basilari di un telefono per anziani. È semplice da utilizzare, ha tasti grandi e le azioni più semplici sono intuitive. Non si tratta del massimo delle prestazioni e delle comodità, i materiali non ci danno il massimo della sicurezza, è leggero sì, ma ciò ne comporta una potenziale fragilità. Ciò è tuttavia risolvibile con una custodia di protezione. Se vediamo infine il prodotto nell’insieme per il rapporto qualità-prezzo che costituisce si tratta di una vera offerta.

Più economico
TTfone Comet – Telefono cellulare
Title

TTfone Comet – Telefono cellulare

Quando parliamo di cellulare economico, per noi devono comunque restare fondamentali gli standard minimi di qualità delle materie e delle funzionalità. Per questo motivo, per un dispositivo che debba rispettare certi criteri sensibili, abbiamo fatto moltissima attenzione a proporvi un prodotto che prima di tutto non fosse usa e getta, e poi che rispettasse adeguatamente certe norme tipiche dei telefoni per anziani. Fatta una rassegna dei più economici, noi ci sentiamo di consigliarvi l’essenzialità di questo modello.

Cosa significa possedere un telefono cellulare per anziani

L’anzianità è un periodo complesso che può comportare una serie di deficit e disagi, ma non per questo rendere le persone meno indipendenti. Saper comunicare e svolgere le proprie attività è importante per poter essere attivi e continuare a mantenersi in contatto con tutti. Poterlo fare con un telefono cellulare è il metodo migliore in assoluto perché permette a chiunque di potersi liberamente spostare e poter fare qualunque cosa senza separarsi dal proprio telefono. Dispositivi di comunicazione del genere sono progettati e creati appositamente per soddisfare le esigenze di persone anziane o che comunque presentano determinati disagi nell’utilizzo dei normali smartphone di nuova tecnologia che magari non hanno tasti o suonerie abbastanza forti. Infatti tra i disagi più comuni riscontrabili nella terza età si presentano spesso la sordità, l’ipovisione o la difficoltà motoria. Deficit che comportano di conseguenza disagi nell’utilizzo di dispositivi di comunicazione di ultima generazione: risulta quindi complesso in un normale smartphone digitare tasti troppo piccoli o touchscreen; sentire l’arrivo di una chiamata; impostare una funzionalità particolare nel proprio telefono come puntare una sveglia o attivare la torcia.

back to menu ↑

Quali sono le caratteristiche di un telefono cellulare per anziani

Possedere un buon telefono cellulare per anziani significa avere in mano un dispositivo di comunicazione sicuro, portatile, efficiente e funzionale in ogni circostanza, in grado di migliorare la vita sociale e pratica di un anziano indipendentemente dai propri deficit. Intanto partendo dal concetto di telefono cellulare quello che ci si aspetta ovviamente è la sua funzionalità portatile, quindi la necessità di un piano telefonico e del possesso di una sim. Questo ovviamente comporta una spesa mensile che ci permette di poter sfruttare il credito caricato (che eventualmente costituirebbe la spesa di una presunta bolletta) e poter liberamente chiamare, ricevere telefonate, inviare sms e poter sfruttare il dispositivo secondo le sue funzionalità. Molti modelli sono dual sim e altri possono connettersi ad internet potendo interagire il minimo indispensabile attraverso il web. Tutto questo ovviamente a seconda delle proprie scelte e delle proprie esigenze. Passando oltre, quello che subito si intuisce ovviamente è che tale dispositivo debba essere considerevolmente adeguato agli standard di una persona anziana rispetto a un comune telefono cellulare.

Le difficoltà più comuni riscontrabili sono la difficoltà motoria, quindi la necessità di fare semplici gesti per accedere alle funzioni del telefono. La sordità e i problemi alla vista comportano invece la necessità di avere il volume della suoneria alto oltre il normale e tastiere grandi. Ebbene un buon telefono cellulare per anziani è un mezzo in grado di soddisfare al meglio le esigenze dei propri cari in ogni circostanza, che siano in casa o all’aperto. Dargli inoltre un giusto comfort nei passaggi di ricarica, o la semplicità di schiacciare un tasto per chiamare un parente o un amico, sono prerogative pressoché comuni in ogni modello definito idoneo per essere utilizzato da un anziano, insieme a volumi alti, tastiera con tasti grandi ed eventuali funzioni vocali. Quanto tutto questo è racchiuso in un unico dispositivo siamo di fronte a un classico modello di telefono cellulare per anziani.

back to menu ↑

Quale scegliere?

È quindi normale dover scegliere un buon telefono in base a molte condizioni. Abbiamo analizzato tante delle funzionalità proposte da numerosi modelli e ci siamo confrontati parecchio con l’utenza che deve sfruttarli. Abbiamo preso in considerazione quindi pragmaticamente attraverso diverse esperienze ciò che dev’essere funzionale e accessibile in un buon telefono cellulare progettato per rispondere alle esigenze di un anziano. Le prime sono i fattori di deficit dell’anziano a cui sopperire attraverso delle funzionalità specifiche che deve avere un buon telefono cellulare. Molti teorici delle nuove tecnologie parlano dei dispositivi elettronici come nuove protesi ed estensioni di noi stessi. Assurgendo al significato di tale aspetto teorico possiamo considerare il telefono cellulare come un dispositivo in grado non solo di far accedere il soggetto anziano alla comunicazione verso gli altri, ma di rendergliela facilitata, connettendolo al mondo e quindi provvedendo al fornirgli una protesi virtuale in cui agire. Quindi se l’anziano è ipovedente la presenza della funzionalità di assistenza vocale quando digita i numeri è un criterio maggioritario di scelta oltre a una grandezza adeguata dei tasti; se sente poco è necessario che i volumi della suoneria siano impostabili a decibel considerevoli per poter sentire l’arrivo delle chiamate. Oltre queste, le funzionalità di essere intuitivo e semplice da utilizzare. Le seconde condizioni di scelta sono fattori qualitativi che non devono mai essere trascurati per la buona funzionalità di un prodotto a lungo termine. Parliamo quindi della durata della batteria, del metodo di caricamento e di altri piccoli fattori che potrebbero condizionare l’utilizzo del telefono. Se lo si sfrutta molto in casa e col fine di utilizzarlo come un cordless è bene avere una buona basetta di ricarica; se ci si sposta parecchio è anche importante che la carica della batteria sia duratura; altre funzionalità che vedono lo sfruttamento del dual sim o del bluetooth sono scelte opzionali come quella di potervi caricare file audio e video. Optional che comunque vanno incontro a un dispositivo elettronico che possa essere sfruttato dagli anziani anche come mezzo sconfinante dai canonici utilizzi comunicativi. Infine i dati di design e comodità sono fattori che anch’essi vogliono la loro parte e rendono piacevole la convivenza con un prodotto che si presuppone essere un compagno sempre vicino. Tra questi la scelta di un colore specifico o della forma che può determinarne le funzionalità. Ad esempio l’apertura: scegliere un modello tra quelli richiudibili, o intero può essere determinante nell’utilizzo da parte dell’anziano. Ognuno di questi design infatti non è considerato idoneo casualmente. Il  modello richiudibile evita di schiacciare tasti involontariamente ma potrebbe rivelarsi scomodo da aprire per chi non ha molta mobilità.

Anche per questo molti modelli a conchiglia hanno un display con tasti esterni che permettono di interagire rispondendo alle chiamate da chiuso oltre ad avere il tasto di Sos per la chiamate d’emergenza sul retro, impostabile su diversi numeri di familiari. I modelli interi si adattano bene alla versatilità di utilizzo intuitivo per gli anziani perché hanno tutto frontalmente, per intero e ben visibile. Nonostante ciò possono rivelarsi anche rischiosi i tasti esposti che potrebbero essere premuti involontariamente (come quelli di chiamata rapida), e avere un display più piccolo rispetto ai richiudibili. Nel caso l’anziano abbia problemi di memoria, è sicuramente consigliabile il telefono a conchiglia perché evita la pressione accidentale dei tasti.

back to menu ↑
Register New Account
Reset Password
Compare items
  • Total (0)
Compare